Via Quintino Sella, 65 - 90139 Palermo
+39 0915072939 - +39 3333894075

Fave al guanciale romanesco: un piatto che racconta una storia

fave e guancialeCi sono pietanze che raccontano storie antiche e usanze che sembrano dimenticate: tra queste ci sono le fave col guanciale alla romana, un contorno carico di sapori strettamente legato alla Festa dei Lavoratori.

Ieri come oggi, nel primo giorno di maggio i lavoratori romani si riunivano per fare una gita fuori porta. Ai tempi generalmente il punto di ritrovo era il prato del Testaccio. Nella pausa tra balli, canti e passatempi d’ogni tipo e genere, ciò che si mangiava erano proprio le fave fresche. 

Si narra come queste ultime fossero tra gli alimenti più consumati assieme al farro e all’orzo, nell’Antica Roma, specie tra la popolazione più povera, che ne sfruttava l’economicità e la duttilità di preparazione.

Grandi, succose, arricchite dal sapore unto e forte del guanciale, le fave venivano cotte a casa e conservate in grandi contenitori. Una volta arrivato il momento di mangiarle si aggiungevano tocchetti di pecorino romano e si metteva mano al vino rosso, immancabile compagno di scampagnata.

Anche se oggi è più difficile trovare qualcuno che gusti le fave col guanciale alla romana sui prati, questa ricetta è un must per della cucina romana, ed è per questo che oggi vi spieghiamo come farla a casa vostra.

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 grammi di fave fresche

  • 80 grammi di guanciale

  • 20 ml di vino rosso

  • 1 cipolla

  • Olio, sale e pepe quanto basta

Procedimento:

Prendete le fave, sbucciatele e lavatele in acqua corrente. Lasciatele ad asciugare e nel frattempo prendete un tegame, metteteci un po’ d’olio, tagliate la cipolla e iniziate a farla imbiondire. Aggiungete piano piano il guanciale tagliato a dadini e fate rosolare il tutto a fuoco basso.

Non appena anche il guanciale sarà imbiondito aggiungete le fave, un po’ di sale e un po’ di pepe e fate cuocere per circa 20 minuti a fiamma medio-bassa. Nel caso in cui le fave fossero troppo asciutte, aggiungete dell’acqua tiepida. Completate con un po’ di vino rosso per dare un sapore leggermente sfumato.

30 Ottobre 2018
|

Related Posts

Leave a reply