Via Quintino Sella, 65 - 90139 Palermo
+39 0915072939 - +39 3333894075

Il carciofo mammola: tipico carciofo romanesco

carciofo mammolaIl carciofo romanesco, chiamato comunemente mammola, è un versatilissimo ortaggio laziale assolutamente tipico della regione. Il suo gusto e le sue caratteristiche lo rendono ideale per preparare piatti da leccarsi i baffi.

Caratteristiche del carciofo romanesco

Coltivato tra le provincie di Roma, Viterbo e Latina, il carciofo mammola cresce sui campi laziali tra la fine dell’inverno e la primavera inoltrata. A differenza del comune carciofo, ogni parte del mammola è commestibile. Mancano infatti le fastidiose spine alla punta delle sue foglie o brattee, come anche non è presente la peluria interna alla base del cappello.

Il carciofo mammola dal 2002 è prodotto IGP, ossia con certificazione di Indicazione Geografica Protetta, e in quanto tale è tutelato a livello europeo. Ha una forma molto compatta e quasi sferica, con dimensioni più grandi di quelle del carciofo tradizionale.

Proprietà nutrizionali del carciofo mammola

Il carciofo romano è ricco di minerali quali il potassio, il calcio e il magnesio. Presenta anche una molecola particolare chiamata cianarina, che conferisce al carciofo un sapore leggermente amarognolo ma anche proprietà diuretiche e depurative.

Il carciofo mammola in cucina

Il carciofo romanesco per le sue peculiari caratteristiche botaniche risulta estremamente morbido; non ha quindi bisogno di essere tagliato per essere cucinato, piuttosto viene utilizzato intero. In cucina, è molto impiegato per la preparazione di piatti tipici della tradizione culinaria romana. Ricordiamo ad esempio due preparazioni assolutamente peculiari e golose, quali il carciofo alla giudia, nella quale l’ortaggio viene fritto nell’olio bollente per diventare croccante e sfiziosissimo, e il carciofo alla romana dove l’ortaggio invece viene stufato in pentola oppure cotto al forno, arricchito da ingredienti come pan grattato, aglio, prezzemolo e pecorino romano. I carciofi mammola sono ottimi anche a crudo, semplicemente conditi con un po’ di olio e limone e arricchiti con scaglie di parmigiano.

16 Aprile 2018
|

Related Posts

Leave a reply